Recupero Crediti nella Ristorazione Collettiva

massimo
Commenti disabilitati su Recupero Crediti nella Ristorazione Collettiva

Che quella del food sia una delle più importanti e preziose industrie del nostro paese non è una novità: Il settore della ristorazione in Italia è un settore rilevante in termini economici, occupazionali e sociali.

E’ necessario disgiungere la ristorazione commerciale dalla ristorazione collettiva:

La ristorazione commerciale è rivolta al pubblico (cioè a consumatori non organizzati in comunità) ed include: la ristorazione tradizionale (bar, ristoranti, etc.); la ristorazione veloce (fast food, self-service, take-away); la ristorazione alberghierail vending (distribuzione automatica di bevande e alimenti).

Per ristorazione collettiva si intende il servizio di preparazione e consegna su larga scala di pasti completi, denominata anche ristorazione obbligata: non si può uscire dall’Ospedale, dalla Casa di Riposo o dalla Scuola per mangiare, ed è più conveniente pranzare nella mensa aziendale…Ogni giorno circa 5 milioni e mezzo di persone si nutrono grazie alla ristorazione collettiva

 

joanna-boj-17158-unsplash

 

Il mercato della ristorazione collettiva il cui valore è superiore ai 6 miliardi e mezzo di euro, con 70 mila dipendenti impiegati, più di mille operatori, è un mercato con prospettive rosee e con un futuro che denota un andamento in crescita, causato anche da aspetti sociali quali l’industrializzazione, la trasformazione della famiglia dal modello patriacale a quello mononucleare, il diffondersi delle iscrizioni dei bambini negli asili nido e nelle scuole materne, la scolarizzazione di massa, e il diffondersi di comunità di anziani.

Le principali tipologie di ristorazione collettiva sono la ristorazione scolastica e universitaria, la ristorazione ospedaliera e assistenziale (ospedali, cliniche, case di cura, case di riposo), la ristorazione comunitaria (caserme, carceri penitenziari, istituti religiosi) e la ristorazione aziendale, la stessa oggi si è evoluta nei “buoni pasto” (o ticket restaurant), cioè un “titolo di credito” di valore predefinito che viene erogato dalle aziende ai propri dipendenti, in sostituzione del servizio interno di mensa.

I principali committenti di servizi di ristorazione collettiva sono i Comuni, che prediligono un’offerta economicamente più vantaggiosa e che nell’ 88% dei casi, scelgono contratti per servizi di ristorazione scolastica, ovvero il servizio mensa per utenti di scuole, università, centri diurni e centri estivi e per utenti assistiti dal servizio sociale. E’ altrettanto vero che sono in questo settore le maggiori inadempienze: come riportato da La Repubblica, a Milano nel 2014 gli inadempienti erano 16.495, con il conseguente ammanco di 5 milioni di euro nelle casse dello Stato. Ma un’analisi più accurata fa emergere che, la percentuale più alta di coloro che non pagano (il 45,21%) è rappresentata da famiglie con reddito medio-alto. L’inadempimento non è dovuto a situazioni economiche critiche o a problematiche personali ma a prese di posizione o anche a distrazione e dimenticanze.

 

toa-heftiba-195458-unsplash

 

In queste situazioni diventa fondamentale avere il supporto di un Partner, come Omniatel, che sia specializzato nel settore e che sia in grado di gestire il recupero dei crediti a 360°:

  • Il recupero crediti verso le Imprese
  • Il recupero credito verso le ASL
  • Il recupero crediti verso le Pubbliche Amministrazioni centrali e periferiche
  • Il recupero credito verso la Sanità Privata
  • Il recupero credito verso il Sistema scolastico
  • Il recupero credito verso i nuclei famigliari

Un altro aspetto vantaggioso, è poter usufruire della cessione dei crediti.

Il servizio di cessione dei crediti svolto da Omniatel consente alle aziende cedenti di ottenere diversi vantaggi:

  • IVA: Immediato recupero dell’Iva.
  • FISCALI: Trasformazione dei crediti esistenti in bilancio ma non incassabili in perdite fiscalmente deducibili per l’esercizio in cui si effettua l’operazione;
  • ECONOMICI: Risparmio dei costi di gestione del “credito incagliato” o in sofferenza

FINANZIARI: Viene riconosciuto al Cedente un margine da cessione in relazione alla tipologia di crediti ammessi al passivo.